homepage versione italiana english version version français
lo studio Maurizio Cassano aree di intervento dove siamo
Consulenza societaria
Consulenza tributaria
Consulenza fiscale
Ristrutturazione di imprese
Terzo settore
Privacy
Internazionalizzazione dell'impresa
Consulenza finanziaria
Fiscal Due Diligence e pre-auditing
Consulenza del lavoro
Link
rassegna stampa novità fiscali scadenze fiscali circolari dello studio pubblicazioni convegni novità
Confisca di beni ex art. 50 Dlgs 159/2011 – Esito dei crediti erariali
Venerdì, 15 Settembre , 2017
E' dedicata all'articolo 50 del Codice delle leggi antimafia la risoluzione n. 114/E del 31 agosto 2017 dell'Agenzia delle Entrate. L'estinzione per confusione dell'obbligazione tributaria si verifica laddove lo Stato, e quindi l'Erario, acquisisca beni, aziende o partecipazioni societarie per intervenuta confisca. A tal fine è necessario che la confisca sia definitiva e che venga meno la dualità dei soggetti del rapporto obbligatorio, con conseguente riunione della qualità di debitore e di creditore nello stesso soggetto. L'istituto della confusione si applica ai soli crediti aventi natura erariale (ad esempio i crediti relativi all'Irpef, all'Ires e all'Iva). Restano invece esclusi, ad esempio, i crediti relativi ai contributi previdenziali e assistenziali, ai tributi locali. Quanto all'ambito temporale della disposizione in esame, è necessario ricordare che in tema di trattamento tributario dei redditi derivanti dai beni sottoposti al sequestro antimafia, la circolare 156/E/2000 ha ritenuto applicabile la disciplina relativa all'eredità giacente. I crediti erariali che si estinguono per confusione sono, innanzitutto, quelli maturati fino alla data di adozione del provvedimento di sequestro. Successivamente il soggetto passivo d'imposta è lo Stato. Durante la vigenza del procedimento cautelare sono a carico dell'amministratore giudiziario gli obblighi contabili, dichiarativi e di versamento. In relazione a tale fase si estinguono per confusione solo i crediti Irpef/Ires mancando, con riferimento a detti tributi, il presupposto soggettivo per l'imposizione. Restano, invece, esclusi dall'effetto estintivo i crediti Irap, Iva o relativi alle ritenute per i quali non viene meno la dualità dei soggetti del rapporto obbligatorio. In relazione al caso sottoposto l'Agenzia è dell'avviso che l'unico credito maturato durante la vigenza del procedimento cautelare che possa estinguersi per confusione sia quello relativo all'Irpef 2014.
(Vedi risoluzione n. 114 del 2017)

| copyright STUDIO CASSANO ® Sito Ufficiale - Dott. Maurizio Cassano Commercialista | partita iva: 08603290159| site by metaping | admin |