homepage versione italiana english version version français
lo studio Maurizio Cassano aree di intervento dove siamo
Consulenza societaria
Consulenza tributaria
Consulenza fiscale
Ristrutturazione di imprese
Terzo settore
Privacy
Internazionalizzazione dell'impresa
Consulenza finanziaria
Fiscal Due Diligence e pre-auditing
Consulenza del lavoro
Link
rassegna stampa novità fiscali scadenze fiscali circolari dello studio pubblicazioni convegni novità
Operazioni di approvvigionamento di prodotti energetici ľ Chiarimenti
Venerdì, 16 Giugno , 2017
L'Agenzia delle Entrate e l'Agenzia delle Dogane, con un documento di prassi congiunto (risoluzione n. 69/E e n. 1/D del 13 giugno 2017), forniscono le risposte ad alcune richieste di chiarimenti in ordine a taluni profili doganali e fiscali connessi alle operazioni di bunkeraggio di prodotti petroliferi destinati alle navi. Il primo chiarimento concerne le formalitÓ doganali da espletare. Per le forniture di provviste di bordo a navi ed aeromobili Ŕ prevista una disciplina doganale specifica. Le merci fornite come approvvigionamenti, esenti da Iva o da accise, di navi e aeromobili indipendentemente dalla loro destinazione, non devono essere vincolate al regime doganale di esportazione in quanto non riconducibili alla fattispecie regolata da tale regime. Tuttavia, al fine di fornire all'operatore economico prova dell'avvenuto approvvigionamento, Ŕ richiesto che vengano espletate le formalitÓ concernenti la presentazione della dichiarazione doganale di esportazione. L'Agenzia delle Dogane precisa che la presentazione della dichiarazione doganale deve intendersi richiesta per i rifornimenti esenti di prodotti petroliferi destinati alle navi battenti bandiera di un paese terzo e deve intendersi confermata anche nel caso in cui le operazioni riguardino navi di un paese Ue che navigano in acque extra territoriali, a esclusione della navigazione diretta tra porti nazionali o da un porto dello Stato verso porti dell'Unione. Pertanto, non va fatto ricorso all'espletamento di formalitÓ doganali nei casi di rifornimento di carburanti esenti da accisa di navi battenti bandiera nazionale o di un Paese Ue in navigazione nelle acque interne e marine comunitarie. Il secondo chiarimento riguarda il trattamento applicabile, ai fini Iva, alle operazioni di bunkeraggio. L'Agenzia delle Entrate chiarisce che il regime di non imponibilitÓ di cui all'art. 8-bis del Dpr 633/1972 si applicabile anche nell'ipotesi particolare in cui la consegna del carburante direttamente a bordo della nave dell'armatore avvenga mediante l'intervento di due trader. Ci˛ a condizione che il trasferimento della proprietÓ del carburante fra trader sia contestuale e concomitante al caricamento dello stesso direttamente a bordo della nave da parte del fornitore e sempre che la cessione fra trader non contempli, in alcun momento, la disponibilitÓ materiale del carburante da parte di quest'ultimi.
(Vedi risoluzione n. 69 del 2017)

| copyright STUDIO CASSANO « Sito Ufficiale - Dott. Maurizio Cassano Commercialista | partita iva: 08603290159| site by metaping | admin |